Fotografia

RECENSIONE DELLA CURVA DI UNA BERGGER PANCRO 400

Ho comprato la nuova pellicola BERGGER PANCRO 400 sia in formato 135 che in formato 120 ma prima di provarla ho voluto analizzare la sua curva sensitometrica. Chi sa già di cosa sto parlando può saltare la prima parte di questo articolo; tutti gli altri è bene che comprendano prima come si legge una curva.

Provo a riassumere i concetti chiave in una legenda cercando di semplificare il più possibile una disciplina (la sensitometria) che invece è molto complessa (non me ne vorranno i più esperti):

Fotografia

Esposizione corretta

Molti di noi, soprattutto quando prendiamo in mano una macchina fotografica analogica dopo anni di digitale, non siamo più abituati a fare un’esposizione corretta.

Oggi vi racconto i pochissime parole come ottenere un negativo esposto correttamente e facile da stampare; parlerò di zone, per cui è fondamentale che conosciate già il Sistema Zonale di Ansel Adams.

Ed è bene che conosciate anche questo semplice dettaglio: nel processo di sviluppo di una pellicola, le zone maggiormente aggredite dal rivelatore sono quelle più dense ovvero quelle più nere che corrispondono alle alte luci. Per questa semplice ragione, aumentando o diminuendo il tempo di sviluppo, agiamo anche sulle ombre ma molto molto meno rispetto alle alte luci. Fatta questa dovuta premessa, come si espone correttamente?

Fotografia

Perchè uso lo stop? Parliamo di bagni d’arresto per pellicole e carte

Secondo appuntamento della serie “Parliamo di…chimica“; dopo l’uso dei rivelatori per pellicola, oggi voglio parlarvi di bagno d’arresto, più comunemente chiamato stop, una sostanza acida che interrompe l’azione basica dello sviluppo.

Schermata 2017-03-06 alle 10.06.49Argomento quasi shakespeariano: usarlo o non usarlo? E’ necessario usare un chimico per arrestare l’azione dello sviluppo o è sufficiente un bagno di acqua? La risposta è semplicissima ma è necessario fare qualche premessa tecnica sulla composizione e azione dei rivelatori.

Nell’articolo in cui si parlava dei rivelatori per pellicola abbiamo imparato che i rivelatori possono essere solventi oppure non solventi ma c’è da aggiungere che tutti i rivelatori, siano essi per pellicola o per carta, contengono sostanze alcaline. Sono proprio queste ad attivare il rivelatore consentendo di ridurre gli alogenuri d’argento in argento metallico. Cosa vuol dire? Ormai lo abbiamo imparato: questa azione di riduzione corrisponde all’annerimento delle zone esposte, ovvero i neri della pellicola, mentre l’annerimento sulla carta, ovviamente, corrisponde alle zone non esposte.

Bene, fatta questa dovuta premessa, parliamo di annerimento: al termine dello sviluppo (sia esso per pellicola o per carta) il supporto rimane imbevuto per un certo tempo e pertanto l’annerimento prosegue. Quanto tempo? Possiamo stimare che quest’azione prosegue per circa 10 secondi. Qui entra in scena il bagno d’arresto. Ma, a questo punto, non possiamo mischiare i concetti bensì dobbiamo fare distinzione fra pellicola e carta.