Fotografia

Esperimenti di inversione BN (Kit Bellini) e Rollei Superpan

Cari lettori, oggi sorrido e vi scrivo … ma in questa settimana ho bestemmiato di brutto. Come anticipato, ho deciso di fare delle prove di inversione della Ferrania P30 (ma in questo articolo non vi parlerò della P30).

Rollei Superpan 200

STORIA: Scelgo di trattarla con il Kit Inversione della Bellini (il più economico e il più facilmente reperibile in commercio). Lo acquisto da Fotomatica. Leggo sul bugiardino che fra le pellicole per le quali è stato concepito, c’è la Ilford FP4 e così, una bella mattina esco con due macchine: su una carico la P30 e scatto in bracketing a 32/50/80 ISO e sull’altra carico la FP4 a 125 ISO. Torno a casa e, per domare il contrasto caratteristico della P30, decido di dividerla in due spezzoni e di trattarla (nel secondo sviluppo) con tempi differenti (N e N-25%).

Rollei Superpan 200

PRIMO TEST: questo kit, su cui non aggiungo nulla perchè c’è già una recensione più che ottima sul blog di Sandro, è composto da 7 bagni inframezzati dai lavaggi per un totale di 13 bagni. Procedo con il primo sviluppo, quindi con la sbianca, il chiarificatore e l’inversione (si, questo kit ha la velatura chimica che sostituisce la seconda esposizione alla luce fluorescente). A questo punto apro la tank e vedo l’immagine impressa sulla pellicola (e già qui ho avuto qualche dubbio perchè nonostante il colore giallastro tipico, mi sembrava troppo trasparente). Quindi procedo con il secondo sviluppo e con il fissaggio e infine stabilizzo. Apro la tank e trovo la sorpresa: pellicole completamente trasparenti! Come se non le avessi esposte in macchina! Una giornata buttata al vento!

Fotografia

NUOVA PELLICOLA FERRANIA P30 – Presentazione a Milano

Inutile polemizzare ancora sull’estenuante attesa… ora la Ferrania P30 esiste e io ne ho comprato due confezioni per fare un pò di prove.

Preciso subito che non troverete i miei test in questo articolo (Edit: i primi test sono pronti e li trovate qui) ma un breve racconto sulla presentazione che si è tenuta oggi a Milano con Felix Bielser di PFG e Nicola Baldini di Ferrania.

Il primo, lo conosciamo bene (ve ne parlo spesso qui) e dunque non ha bisogno di ulteriori presentazioni. Il secondo, invece, è un toscanaccio bontempone: pensando che la platea fosse composta da giovani hipster sfigati o da reduci di guerra, ha parlato una lingua da bar dello sport. Peccato, mi aspettavo un racconto più professionale e tecnico. Ma d’altronde, lo ha detto lui stesso alla fine quando molti erano già alla cassa per comprare la P30, uno dei punti di forza della Nuova Ferrania è quello di creare emozioni … Si, ok, sono d’accordo ma oggi presentavi -finalmente- il tuo prodotto ai tuoi potenziali clienti di Milano; potevi essere anche un tantino più serio!!!

Ma per fortuna c’era Diego,