Minolta Auto Meter III F

Minolta (poi Konica-Minolta, oggi acquisita da Sony), nella storia della fotografia, si è distinta forse più nella produzione di accessori che in quella di macchine (eccezion fatta per qualche telemetro). Che gli esposimetri Minolta siano ottimi è opinione diffusa e consolidata: chi ha avuto modo di provare tanti apparecchi di marche diverse, infatti, sostiene che i light meter Minolta erano i migliori del mercato al pari dei Sekonic.

Ed erano anche un pò più costosi: nel 1981, ad esempio, per acquistare un Sekonic L-428 erano necessari 104.95$ mentre il Minolta Auto Meter III era in vendita a 121.95$. Anche se il più caro in assoluto, quell’anno, era lo Spectra Combi II a 196.95$ (Fonte: NYT)

E così, cercando online, ho trovato una buona offerta da un privato della Polonia e ho acquistato un Schermata 2016-08-17 alle 19.43.30Auto Meter III F (dove F indica che l’esposimetro calcola anche la luce proveniente dai flash) con, al posto della Lumosfera (per la luce incidente), già il Viewfinder 10° per il calcolo della luce riflessa.

A questo LINK è reperibile il manuale in inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *